Condividi questo post

In evidenza / Medicina e Chirurgia Estetica

FILLER SENZA AGHI: LA NUOVA FRONTIERA DELL’ ESTETICA. MA NE SIAMO VERAMENTE SICURI?

FILLER SENZA AGHI: LA NUOVA FRONTIERA DELL’ ESTETICA. MA NE SIAMO VERAMENTE SICURI?

Nell’ultimo mese sta sbarcando anche in Italia una nuova tecnica brevettata in Germania che promette risultati  senza aghi mediante un macchinario  detto “Hyaluron Pen”.

In cosa consiste il trattamento?

Si veicola il prodotto, l’acido ialuronico, attraverso un macchinario che funziona ad alta pressione e senza aghi. Grazie ad un minuscolo foro di 0,17mm che si trova su un piccolo modulo monouso si riesce a nebulizzare il prodotto negli strati superficiali della pelle, permettendo al filler di penetrare nel plesso dermico.

Con questo trattamento si agisce su tutto il viso riempiendo rughe e zampe di gallina, dando volume alle labbra e agli zigomi e ridefinendo l’ovale del volto.

Insomma un meraviglioso sostituto di acido ialuronico e tossina botulinica, sperimentati da decenni, ma messi da parte in poche settimane grazie all’avvento della fantastica Hyaluron Pen.

Purtroppo non riesco a non essere ironico. Ecco cosa ne penso io.

Innanzitutto ricordiamo che gli unici professionisti abilitati al trattamento iniettivo sul viso di un paziente sono esclusivamente i medici, quelli in possesso di una laurea in medicina e chirurgia di 6 anni però, meglio specificare, perché purtroppo per quanto riguarda la medicina estetica ormai ci troviamo davanti a innumerevoli figure laureate in altro o non laureate minimamente che si ergono ad esperti del settore.

La Hyaluron Pen non è altro che un triste escamotage per permettere ad altre figure professionali di lanciarsi in questo campo. Le case produttrici sono le principali responsabili di tutto questo, mettendo in mano a sprovveduti delle apparecchiature che possono anche diventare pericolose.

Decine di corsi sono già partiti in varie città.  Il costo? 1500 euro per diventare un abile spara-acido ialuronico, con pistola compresa nel prezzo. Un affarone insomma.

Inoltre mi sento di dire la mia, data l’esperienza maturata nel settore, sul possibile risultato ottenibile. E’ praticamente impossibile dare una forma ed un volume piacevoli ad una qualsiasi parte del viso in maniera omogenea e simmetrica senza l’utilizzo di un ago. Ci sono professionisti che hanno difficoltà a farlo con un ago, figuriamoci che risultati si possono ottenere quando dei non esperti del settore si mettono a sparare a pressione acido ialuronico, come se il viso del paziente fosse un pneumatico e loro dei gommisti improvvisati.

Concludo dicendo che i non medici che utilizzano queste apparecchiature, dovrebbero sapere che in caso di danno, cosa molto probabile data la loro “poca esperienza” abbinata ad un dispositivo completamente senza senso, nessuna assicurazione li coprirà dato che non hanno minimamente titolo per fare ciò che fanno.

Ad i pazienti dedico una frase di Benjamin Franklin a me molto cara: “L’amarezza di una scarsa qualità rimane per lungo tempo, dopo che il piacere di un prezzo basso è stato dimenticato”.

Dott. Maurizio Inzirillo

Chirurgo Estetico
Specialista in Chirurgia Generale
Master di II livello in Medicina Estetica

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Beautyforum